TEATRO

 

 

SOSPENSIONE DELLE ATTIVITÀ
Covid-19

  

Vi informiamo che abbiamo sospeso tutte le attività da giovedì 05/03 e rimandato tutti gli eventi di musica, teatro, danza e cinema.

 

Vi invitiamo a seguire con attenzione tutte le disposizioni per limitare la diffusione del virus.
Di seguito il link che vi rimanderà alle FAQ pubblicate sul Ministero della Salute, con particolare riferimento alle Misure di contenimento in Italia.
http://www.salute.gov.it/portale/nuovocoronavirus/dettaglioFaqNuovoCoronavirus.jsp?lingua=italiano&id=228#11

 

Riapriremo non appena le condizioni lo renderanno possibile.
Avremo bisogno del vostro sostegno.

 

Prendiamo in prestito un post del nostro amico Alfredo de Giovanni che dice "DOBBIAMO STARE UNITI, NELLO STARE DISTANTI.

 

  

NON È PE LE SOLD...MA JE PE LE TERRISE!

Manuel presenta NON È PE LE SOLD...MA JE PE LE TERRISE!
Commedia in due atti
Domenica 26 Gennaio 2020 ore 18.00
Protagonisti: Cerino, Nico Salatino, Valentina Digirolamo, Nicola Antonacci, Betta De Venere, Alfredo Navarra, Roberto Ripoli.

È una commedia leggera, frizzante, goliardica del comico barese Manuel, Emanuele De Nicolò, che firma la regia di una pièce di un quarantennio fa: riveduta nei contenuti, aggiornata da nuova sceneggiatura, nuove battute e ovviamente nuovo cast.

Manuel ha lasciato immutato solo il suo ruolo da “Giuseppe”, il maggiordomo sordo che si trova a gestire il rapporto tra l’avaro padrone di casa – interpretato da Alfredo Navarra – e il fantasma del defunto, fratello, interpretato da Nico Salatino, autore di questa commedia, che esige vengano rispettate le sue ultime volontà.
I colpi di scena si susseguono in un’esplosione di gag esilaranti e unitarie rispetto alla narrazione.
Il fatto poi che Giuseppe sia addirittura in grado di vedere il fantasma aumenta l’equivoco nelle vicende quotidiane.

Humour, sentimento, ironia: lo spettacolo affronta temi, spesso delicati, con grande leggerezza. Si torna a casa di buonumore ma più consapevoli di ciò che ci circonda: fuori e dentro la psiche umana.
Accanto a Alfredo Navarra – storica spalla di Manuel – interagiranno in scena: la governante Teresa, impersonata da Betta De Venere, altra spalla di Manuel, il “becchino” Nicola Antonacci , l’entreneuse francese “Marì”, interpretata dalla prorompente Valentina Digirolamo, innamorata del giovane “Giovice”, nipote dell’avaro, impersonato da Alessandro Pestrichella.
Tra i personaggi spicca, ed e’ il più emblematico di tutta la commedia , Cerino, simbolo del valore aggiunto della disabilita’. laddove si potrebbe pensare all’handicap come un limite, il nostro personaggio riesce a far riflettere tra una risata e l’altra ; si inneschera’ una serie di situazioni goliardiche, ricche di colpi di scena.
Cerino è un personaggio molto noto e amato nel territorio barese. Interpreta sé stesso. Non è un attore. La sua disabilita’ non ha mai rappresentato un limite ai suoi sogni: ed infatti, anche la partecipazione alla nostra commedia era una sua aspirazione profonda.
La partecipazione di Cerino ha inorgoglito tutta la sua famiglia, soprattutto il nipote – suo tutore legale – che ha concesso l’autorizzazione.
Avere Cerino in scena è per l’intero cast fonte d’ispirazione e di arricchimento emotivo.

Mai scontata o prevedibile, la commedia in due atti vi piegherà in due dal ridere.


Per Info tel.329 611 2291
Teatro polifunzionale AncheCinema
Corso Italia 112 BARI
Parcheggi MetroPark Corso Italia 138
GestiPark Battisti

 

ACQUISTA IL TUO BIGLIETTO

Hai un'idea? Vuoi presentare un progetto? Scopri come